HomeFondo contro l’usura

 

Fondo contro l’usura

La Regione Lazio ha approvato un pacchetto di misure urgenti per contrastare l’usura che a causa delle conseguenze sociali ed economiche dovute all’emergenza sanitaria rischia di allargare gli spazi per la presenza delle mafie nei nostri territori.

È stato costituito un fondo di emergenza di 400mila euro per piccoli contributi fino a 3.000 euro a fondo perduto a favore delle famiglie e delle piccole imprese, vulnerabili e sovraindebitate o vittime di usura o estorsione in considerazione della emergenza Covid-19

Il Fondo sarà gestito dalle associazioni e Fondazioni Antiusura iscritte sia all’albo regionale che al Mef:

  • Fondazione Salus Popoli Romani Onlus(Caritas Roma)
  • Fondazione Magnificat ( Diocesi Sud Pontino)
  • Associazione Baccarato
  • Ambulatorio Antiusura
  • Sportello Intercomunale Antiusura e Sovraindebitamento della Citta Metropolitana di Roma
  • Fondazione Wanda Vecchi

I beneficiari della misura sono:

  • persone fisiche o piccole e medie imprese già in persistente difficoltà economica o vittime

di usura o estorsione, la cui qualità di persone offese dagli indicati reati risulti da certificazione prodotta all’Ente destinatario, che ne cura la valutazione.

I beneficiari dovranno possedere i seguenti requisiti:

  1. residenza nei Comuni del Lazio da almeno un anno;
  2. non essere in carico ai Servizi Sociali comunali e/o distrettuali;
  3. non essere beneficiari ( o non aver avanzato richieste ) di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogate da Enti pubblici e privati e non beneficiari di altre forme di contributo stanziate dalla Regione Lazio per le medesime finalità;
  4. aver subìto, in conseguenza dell’emergenza sanitaria COVID-19, un peggioramento della preesistente difficoltà economica, da comprovare anche mediante idonea documentazione e autocertificazione soggetta a successiva verifica e applicazione dei provvedimenti di legge  previsti in caso di dichiarazioni mendaci

Il beneficio consiste in un contributo straordinario una tantum di importo massimo di € 3.000,00 diretto a fronteggiare una situazione di crisi che rischia di determinare grave nocumento al beneficiario, persona fisica e/o alla sua famiglia, e/o all’impresa.